Passa ai contenuti principali

Svuotiamo insieme i sorrisi del 2016

Prima di lasciare andar via il 2016 come un palloncino nello spazio, tutto gonfio di ricordi, quelli più piacevoli (e ne ho avuti!) e quelli che lo sono un po' meno, credo sia arrivato ormai tempo di prendere in mano il Barattolo del Sorriso. Dico "barattolo", ma in realtà, ora che ci penso, non ne ho più trovato uno anche meno che perfetto da sostituire alla scatola per cioccolatini di Gay-Odin (fatemi un fischio, se riuscite a trovare il modo di preservare un barattolo di vetro dai cattivi odori!). Oh beh, poco importa, il cioccolato sta bene con tutto ciò che è dolce.  E i miei biglietti-segna-lettura sono irresistibilmente dolci. 



27 biglietti. 27 letture.

Formato  
E-book: 5
Cartaceo: 22

Genere
Erotico: 1
Classico: 1
Saggistica: 1
Narrativa: 8
Fantasy: 3
Commedia rosa: 9
Storico: 1
Racconti: 1
Thriller: 1
Graphic novel: 1

Insomma, un'ottima scusa per sorridere 27 volte. E con tre libri letti in più, sono riuscita a fare un po' meglio del 2015 (evvai, piccola vittoria personale!).

Il meglio
(wow)

Qui la recensione

... e il peggio (sigh)

Qui il mio brevissimo pensiero

La sopresa
(oh!)

Qui la recensione

Menzioni speciali


Freezer di Veronica "Veci" Carratello
 un graphic novel che è una festa per gli occhi 
e una sorpresa a ogni pagina

La tentazione di essere felici di Lorenzo Marone 
qui la recensione.

Un terremoto a Borgo Propizio di Loredana Limone
un libro che profuma di buono, di quotidianità, come il pane fresco in tavola

I love shopping di Sophie Kinsella
intelligente, brioso, da morir dal ridere
 e con una protagonista che non riesci a credere che non esista davvero nella realtà

Calpurnia, l'ombra di Cesare di Sonia Morganti
che posso dire? Il romanzo storico che da anni aspettavo di leggere!




Commenti

  1. Okay sì...adesso ho vogkia di cioccolato Kinder, che non ho, come la mettiamo adesso?

    E che bello Olga di carta! Mi fa gli occhi dolci! **

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti confesso una cosa: anch'io sono senza cioccolato, o almeno senza cioccolato Kinder (mia madre ha una pasticceria proprio sotto casa quindi non rimaniamo mai a secco).
      Tanto ammmmmmooore per Olga di carta, una fiaba dolcissima e commovente.

      Elimina
  2. Ciao, anch'io adoro la Kinsella e non vedo l'ora di leggere il suo nuovo romanzo! Io prima di te invece non l'ho letto, mi sembra troppo triste per i miei gusti, preferisco i libri "scacciapensieri" ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io sto sospirando in attesa di leggerlo. Ma in realtà vorrei prima recuperare "Che fine ha fatto Audrey?".
      "Io prima di te" mi ha proprio deluso. Se devo leggere un libro strappalacrime almeno che ne valga la pena!

      Elimina
  3. Rosaaaaa! Il kinder maxi quanto è buono?!? È l'unico tipo di cioccolato che mi piace! Comunque bando alle golosità.. mi hai fatto venire una gran voglia di leggere Olga di carta e Calpurnia l'ombra di Cesare! Per la Kinsella non potrei essere più d'accordo, lo sai! Purtroppo il suo nuovo romanzo mi ha delusa però con tutte le gioie che mi ha sempre regalato posso anche perdonarla!
    P.s.
    Sono contenta che sei tornata online! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di questa ventata di entusiasmo, Soph! Purtroppo di tempo per dedicarmi al blog non ne ho mai tanto quanto vorrei, però è bello che ci sia qualcuno che mi aspetta nonostante tutto.
      Allora su Kinsella regina della commedia rosa e sul Kinder miglior cioccolato direi che siamo d'accordo. Adesso aspetto di sapere come va con Olga di carta, okay? Non puoi proprio rifiutarti!

      Elimina
  4. Bellissimi i tuoi biglietti segna letture Rosa.
    Leggendo il tuo post mi sono vergognata: devo ancora leggere Olga (da settembre).
    Vorrei la giratempo di Hermione.
    baci da lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lea non me lo dire! Io sogno sempre di imbattermi per caso in un varco temporale dove sia possibile restare sospesi in quell'attimo di presente non dico in eterno ma almeno il tempo di leggere un libro al giorno.
      Ma il momento perfetto per leggere "Olga di carta" secondo me è la sera, prima di andare a letto: sarebbe un po' come tornare bambini con la favola della buonanotte.

      Elimina
  5. Olga di carta *-* Che meravigliosa lettura! Aggiungo che i tuoi biglietti-segna-lettura fanno venire una gran voglia di cioccolato (ed io alle tentazioni non so resistere) :D Baci, Rosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Stefania, cosa posso dire a mia discolpa? Amo i libri e il cioccolato in egual misura, quindi perché non unire due grandi passioni?

      P.S. Ora vivo nell'attesa che Elisabetta Gnone ci regali un'altra delle sue splendide fiabe.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

TERAPIA DI COPPIA PER AMANTI, Diego De Silva

La mia lettura
De Silva ha un'audacia piratesca, prende uno spunto veramente buono (e uno spunto veramente buono è il modo migliore per compromettersi) e quel che ne fa è un libro che... Ragazzi, non vi dico... Questo autore ha un modo, un gran bel modo, di sbrogliare il discorso, di dettare e scandire il ritmo della narrazione. Un capitolo ascolti le confessioni a cuore aperto di Viviana - lei è quella sentimentale, che arrossisce e si arrabbia alla parola "scopare", quella pallosa insomma, si potrebbe dire malignamente, quella che vuole risposte sicure e le vuole subito, che ha bisogno di sapere dove sta andando questa relazione che il buon costume definisce "squallida" - poi volti pagina e trovi tutt'altra musica, ecco Modesto, poveraccio, che fa il figo per nascondere che se la sta facendo addosso per come le cose sono pericolosamente cambiate e gli sono sfuggite di mano, perché è stato così stupido da credere alla balla che trovi un'amante trovi L&…

GIACINTA, Luigi Capuana

"Colonnello!" disse la Giacinta, attaccandoglisi familiarmente al braccio e trascinandolo un po' verso la vetrata della terrazza con vivacità fanciullesca. (...) L'una e l'altro non riuscivano per qualche secondo a riattaccare discorso: poi la Giacinta spingeva gli occhi verso il colonnello che aveva ripreso la sua positura, e portando la punta del ventaglio alle labbra, lanciava un ebbene? un e poi? che provocava la risposta.

La mia lettura
Ho avuto un rapporto alquanto complesso con questo romanzo. Ad ogni pagina, per tutto il tempo, sentivo dolorosamente che qualcosa, qualcosa di decisamente importante, mancava. Quando finalmente sono riuscita a riporre ormai letto il libro nel suo angusto posticino nella libreria del mio studio, ho capito. Ho capito cosa non andava. Ma lascerò che sia qualcuno di più adatto allo scopo ad illuminarvi. "In generale mi piace dippiù la prima metà del tuo libro forse perché l'azione è più viva, o almeno è presentata con m…

Qualcosa si è mosso | Da SCRIVERE È UN MESTIERE PERICOLOSO a NON DITELO ALLO SCRITTORE, Alice Basso

La mia lettura
Bene. Io direi che tre giorni passati a sghignazzare di segreta soddisfazione, in una posa a metà tra genio del male che trama nell'ombra e ragazzina delle medie alla prima cotta, possono anche bastare. Adesso ricomponiamoci un attimo, per amor del cielo, e cerchiamo di affrontare la situazione con la serietà che merita. Niente di insostenibile, state sereni. Perché la storia di cui parliamo è pur sempre, fondamentalmente, una storia adorabile. Si ride sotto i baffi, ci si commuove il giusto, si annuisce con quel pizzico di consapevole malinconia, ma soprattutto ci si innamora, di brutto. (E poi non venitemi a dire che non vi avevo avvertito).

Per la serie dove eravamo rimasti, ricapitoliamo: epica vendetta ai danni di capo schiavista calcolatore e di ex fidanzato stronzo opportunista. Yeah. Uno a zero per Vani Sarca, signori, che dal finale del primo libro esce trionfante come una Erinni dei reietti, in mano un nuovo contratto rimpolpato da un sacrosanto aumento, u…